Coach celebra i suoi 75 anni come la pelletteria originale d’America

Coach, conosciuta per la sua ricca storia e i suoi modelli innovativi, festeggia il suo 75esimo anniversario quest'anno...

Combinando alla perfezione la durabilità dei suoi prodotti con un'estetica di carattere ed elegante, Coach realizza articoli in pelle dal 1941 e, sebbene l'identità del brand si sia evoluta nel corso degli anni, la sua dedizione per la qualità e l'attenzione per le espressioni più raffinate sono rimaste le stesse di sempre.

Gli umili inizi della casa risalgono appunto al 1941, quando nacque nel cuore di New York City come bottega a conduzione familiare. Miles Kahn, fondatore della società, ispirandosi all’accurato design di un guantone da baseball, e avvalendosi di un team di sei artigiani, creò una collezione di 12 borse utilizzando lo stesso meticoloso lavoro di cucitura, e fu così che il marchio Coach venne alla luce.

Questi pezzi classici fecero colpo fra gli appassionati di moda e, gradualmente, la label cominciò ad espandersi. Nel 1962, l’innovativa designer di abbigliamento sportivo statunitense Bonnie Cashin disegnò la famosa borsa da viaggio, assicurando al marchio un posto di sicuro successo nel vasto panorama degli accessori di lusso; ma fu soprattutto con la nomina di Lew Frankfort, nuovo amministratore delegato e futuro presidente, che Coach poté trovare la sua nicchia di mercato. Frankfort riconobbe il desiderio dei consumatori per un lusso a portata di portafogli e Coach, facendo da ponte fra il settore dei prodotti high-end e le marche più diffuse, crebbe rapidamente, trasformandosi nell’emblematico marchio di moda che è ancora oggi.

Riconosciuta a livello mondiale per la sua rappresentazione distintiva dello stile americano, Coach cattura meravigliosamente l’energia travolgente di New York attraverso i suoi pezzi accuratamente realizzati. Amata dagli uomini e dalle donne più alla moda di ogni età, la label è stata scelta da icone di alto profilo come Madonna e Prince, e oggi ha catturato l’attenzione di personaggi famosi più giovani, grazie alla personalità innovativa del britannico Stuart Vevers.

Vevers, a capo della ridefinizione del marchio avvenuta nel 2013, con il suo taglio editoriale e la sua energia off-beat, ha spinto Coach in una direzione più aggressiva, introducendo uno stile fresco e urbano pur mantenendosi fedele al suo ricco passato. Le collezioni del designer, dalle giacche da baseball per la città alle sneaker a caviglia alta dalle linee pulite e contemporanee, snobbano le regole del vestire comune e i codici anagrafici del lusso, grazie al loro fascino universale.

Le forme nostalgiche vengono reinventate in modo originale, abbracciando i ritmi del gusto tutto americano più raffinato. È stato lo stile inusuale di Vevers a suggerire la rinascita della borsa "Stewardess", del 1972: un pezzo che, secondo Vevers, "comunica la sensazione del lusso moderno".

Grazie a Vevers è rinata l’estetica tradizionale della label, adottando uno stile contemporaneo ma continuando al tempo stesso a catturare l’ambiente dinamico di New York. “Volevo prendere ispirazione dal nostro archivio e dal nostro passato, ma volevo anche fare qualcosa di molto nuovo e all’avanguardia”, ha dichiarato Vevers. Spingendosi sempre di più oltre i confini della creatività, le influenze di Stuart si evolvono da stagione a stagione, ma il suo occhio per un design modellato e contemporaneo, caratterizzato anche da espressioni audaci, continua a ispirare questo brand rinomato in tutto il mondo.

Per festeggiare il suo 75esimo anniversario, la boutique darà il benvenuto agli zaini "Charles" e "Mini Charles". Realizzati utilizzando un ricco pellame, entrambi i modelli vantano una qualità casual che cattura splendidamente lo spirito americano del marchio.

           

 

Coach 75th

X

Usiamo i cookies per fornirti la migliore esperienza e soddisfazione quando navighi nel nostro sito; senza di essi la funzionalità di quest’ultimo sarà ridotta. Per favore, clicca su "X" per confermare che sei d’accordo con l'utilizzo dei cookies su questo sito. Alternativamente, clicca qui per sapere come cambiare le tue impostazioni sui cookies e clicca qui per visualizzare la nostra politica completa sui cookies.

Top