Nato nel 1980 a Dakar in Senegal, fotografo per la moda e artista di spicco, Omar Victor Diop ha lasciato una carriera nella comunicazione aziendale all'età di 30 anni per seguire la sua passione per l'arte e la fotografia, ambito nel quale ha ottenuto un successo internazionale.

Con una serie di lavori che abbracciano le belle arti, la fotografia di moda e l'autoritratto, Diop ha approfondito i media misti - fondendo la fotografia con lo stile dei costumi, la grafica e, a volte, la scrittura creativa - per creare una gamma di opere che irradia energia e riflette il passato e il presente.

Traendo ispirazione dalla diaspora africana, il vivace lavoro di Diop riesce ad esplorare la ricca storia del popolo africano, offrendo allo stesso tempo una nuova visione delle realtà della vita africana contemporanea.

Da "The Studio of Vanities" - una serie di ritratti in scena che mostrano volti nuovi di arte e cultura nell'Africa urbana - alla recente "Diaspora" - autoritratti che famosi eroi africani non celebrati dal XV al XIX secolo - il lavoro di Omar è richiesto ed acclamato a livello internazionale, con marchi di lusso come Lancel e Louis Vuitton, e gli ha assicurato la copertura stampa della CNN, del New York Times, del Paris Photo e, più recentemente, della rivista National Geographic.

I ritratti di Diop sono stati esposti a livello globale: dal MoMa di New York (il Museo di Arte Moderna) alla prestigiosa Cadice del Palácio in Portogallo.

 

Top