DIETRO LE QUINTE CON GILBERTO CALZOLARI

Style Notes

Abbiamo incontrato il famoso designer di moda sostenibile durante la preparazione degli abiti per il servizio fotografico dedicato alla campagna estiva di The Bicester Village Shopping Collection.

Dopo aver vinto l’anno scorso il premio Franca Sozzani Green Carpet Challenge Award for Best Emerging Designer, Gilberto Calzolari ha maturato una notevole esperienza nel settore della moda. Dalla presentazione tenuta in occasione della Settimana della moda di Milano 2019 alle relazioni instaurate con colleghi del calibro di Rossana Orlandi ed Edward Enninful, le credenziali da red carpet di Gilberto sono a dir poco eccellenti. Gli abbiamo chiesto come sia cambiata la sua vita da quando ha preso in mano la statuetta creata da Chopard...

Designer di moda sostenibile 

Innanzitutto, siamo emozionati di sapere che lei stia lavorando agli abiti per il nostro servizio fotografico Summer Stories. Cosa le è piaciuto maggiormente del suo lavoro per questa campagna?

“Ho apprezzato moltissimo l’energia e l’atmosfera che si respiravano sul set, tutto grazie al feeling e alle straordinarie relazioni che siamo riusciti a instaurare con tutto il team e lo staff. Devo dire che è stato di grande aiuto il fatto di poter lavorare immersi nelle straordinarie decorazioni per il set create da Anna Burns”.

In questa campagna, abbiamo incluso look per le feste, abiti estivi da cerimonia e creazioni per le vacanze. Cosa l’ha ispirata nella creazione dei suoi modelli per ciascuna di queste categorie?

“Per i look per le feste, abbiamo deciso di ispirarci al tocco retrò degli anni ‘70, un accenno allo stile rock à la Kate Moss, mentre per gli abiti estivi da cerimonia ci siamo rifatti agli anni ‘80, rivisitando l’atmosfera dei balli studenteschi di quegli anni con un tocco di eleganza e originalità. Per gli outfit dedicati alle vacanze e ai viaggi, abbiamo preso spunto dalle ragazze pin-up degli anni ‘50. Inoltre, abbiamo giocato con righe marinare, motivi floreali e vivaci blocchi di colore”.

960x540-behind-the-scenes-gilberto-calzolari-bts.jpg

Come si è sentito ad essere incoronato Best Emerging Designer in occasione dei Green Carpet Fashion Awards?

“È difficile esprimere a parole ciò che è significato per me! L’etica e l’estetica sono sempre stati i miei valori fondamentali: vedere il mio impegno in tal senso apprezzato da una giuria di tale levatura ha rappresentato per me un ulteriore incentivo a continuare sulla strada del design sostenibile”.

Le è stato assegnato il programma di mentoring firmato The Bicester Village Shopping Collection dopo aver vinto il premio Green Carpet. Cosa le è piaciuto di più del tempo trascorso a lavorare al programma?

“Con sessioni che spaziavano tra diversi argomenti, dai business plan al marketing fino al retail, il programma di mentoring è stato realmente uno degli aspetti migliori di aver vinto il premio. Inoltre, ha rappresentato una straordinaria opportunità per incontrare una rete di aziende che credono nella moda sostenibile. Infine, grazie al programma di mentoring ho potuto vivere questa meravigliosa esperienza stilistica per la campagna estiva”.

Ha presentato il suo lavoro alla boutique The Creative Spot nel Fidenza Village in Italia questa estate. Quali creazioni ha condiviso con maggior entusiasmo?

“Poiché siamo nel pieno della moda estiva, ho deciso di presentare i capi più importanti della mia ultima collezione primavera-estate, in particolare gli outfit “green”. Insieme a una linea di abiti in cui ho utilizzato sacchi di caffè in iuta riciclati impreziositi con cristalli senza piombo di Swarovski (realizzati su misura), ho anche presentato una serie di capi realizzati in lino cupro, una delle fibre di cellulosa più pure che si trovano in natura. I cascami di cotone vengono sciolti ed estrusi ottenendo un sottilissimo filo: il materiale risultante offre caratteristiche uniche di comfort, ventilazione e resistenza, oltre a essere straordinariamente delicato, atossico, ipoallergenico e 100% riciclabile”.

 

 

960x540-behind-the-scenes-gilberto-calzolari-creative-spot.jpg

 

“L’etica e l’estetica sono sempre stati i miei valori fondamentali: vedere il mio impegno in tal senso apprezzato da una giuria di tale levatura ha rappresentato per me un ulteriore incentivo a continuare sulla strada del design sostenibile”

Top