IL SURREALISMO DILAGA IN BELGIO

Fidenza Village

Questa estate vi immergerete in un mondo sorprendente e non convenzionale con un viaggio in Belgio, dove il movimento artistico rivoluzionario è ancora vivo e vegeto tra gli artisti

© Charles Kaisin 2019

Reso celebre per la prima volta da artisti del calibro di André Breton, Salvador Dalí e René Magritte negli anni Venti, il surrealismo sta recentemente vivendo una rinascita, soprattutto in Belgio. Dalle celebrazioni per il decimo anniversario del Musée Magritte Museum all’installazione di Charles Kaisin al Maasmechelen Village, i belgi creano arte surrealista come nessun altro: dopotutto questa corrente si adatta perfettamente all’indipendenza di pensiero della nazione e al suo celebre e inconfondibile senso dell'umorismo.
La peculiarità di questo movimento artistico è scoprire la bellezza nell’inatteso e nel non convenzionale: questa attitudine prende forma in installazioni immersive, che offrono una rivisitazione contemporanea dell’arte surrealista. Questa estate potrete tuffarvi a capofitto in un vivace universo surrealista realizzato dall’architetto-designer Charles Kaisin al Maasmechelen Village, in un’esclusiva installazione artistica che celebra il “meglio del Belgio”.
Gli eleganti edifici e i quieti spazi all’aperto del Village – il centro belga di The Bicester Village Shopping Collection, a solo un’ora da Bruxelles – sono stati completamente rivisitati: gigantesche sfere con i colori della bandiera belga adornano l’orologio e la torre d’ingresso del Village, mentre la stampa di Kaisin, progettata in esclusiva, riveste le facciate delle boutique e le vie del Village.

960x540-surrealism-sweeps-belgium-charles-kaisin-ball-pool.jpg

Il simbolo iconico di Bruxelles, il Manneken Pis – una minuscola statua in bronzo di un ragazzino che urina in una fontana – è stato ricreato sotto lo sguardo magistrale di Kaisin. Riprodotta in una versione in stampa 3D di sei metri della statua originale, la più grande del genere mai creata in Belgio, la figura si erge sulla piazza principale del Village.
Nell’ambito dell’installazione, in mostra fino al 30 settembre, gli ospiti potranno inoltre esplorare un nuovo caffè pop-up, “Made in Belgium”, anch’esso rivestito dal pavimento al soffitto con la vivace stampa di Kaisin. Qui si potranno assaporare le prelibatezze uniche del paese, come salumi e formaggi, birre belghe e molto altro ancora. C’è persino un biliardo al piano ammezzato solo su invito, per un servizio fotografico degno di Instagram.
Parlando della sua ispirazione per l’installazione, Kaisin rivela: “Abbiamo un grande talento in Belgio, troppo spesso sottovaluto. Volevo esprimere quell’energia grazie a questa installazione: questo design nero, giallo e rosso che unisce le persone”.

960x540-surrealism-sweeps-belgium-charles-kaisin-cafe.jpg

Scoprite subito l’installazione al Maasmechelen Village per un’esperienza straordinaria, ricca di sorprendenti sorprese, cucina deliziosa e, soprattutto, arte eccezionale.
Visitate ProudToBeBelgian.com per ulteriori informazioni sull'installazione e su come visitarla quando siete in Belgio.

“Immergetevi in un vivace universo surrealista realizzato dall’architetto-designer Charles Kaisin  al Maasmechelen Village”

960x540-surrealism-sweeps-belgium-charles-kaisin-hackett.jpg
Top